Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece eventualmente utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza di "social plugin".
Proseguendo nella navigazione del sito autorizzate l'uso dei cookie.

user_mobilelogo

Educazione all'affettività

Il progetto di educazione all’affettività non è concepito come un itinerario totalmente preordinato, ma piuttosto è inteso come un cammino con i ragazzi per accompagnarli in una scoperta graduale di sé e del significato della sessualità.

 

Fasi e obiettivi

Prima fase. Che cos'è l'uomo e perché te ne ricordi?

Obiettivo: conoscere il soggetto in questione.

Attività

  • Lettura, analisi e confronto di uno o più testi
  • Approccio ai fondamenti della genetica.

Seconda fase. La vita umana: prima meraviglia

Obiettivo: stupirsi di fronte alla bellezza e al mistero dell’origine della vita umana.

Attività

  • Video La vita umana: prima meraviglia
  • Incontro con il dott. Paolo Emiliani, presidente del Movimento per la Vita di Cremona
  • video-testimonianza di Gianna Jessen Sopravvissuta all’aborto
  • approfondimento relativo alla riproduzione.

Terza fase. Identici, ma differenti

Obiettivi

  • Riconoscere i tratti peculiari dell’essere uomo o donna
  • Cogliere il valore della diversità come reciprocità.

Attività

  • Cortometraggio Il circo della farfalla
  • Testimonianza di genitori di ragazzi disabili
  • Visita a centri formativi per ragazzi disabili
  • Lettura di brani tratti da I Promessi Sposi di A. Manzoni
  • approfondimento relativo al cervello.

Quarta fase. Ogni dono diventa un compito

Obiettivo: comprendere che la scoperta della propria identità chiama a una responsabilità e spinge a una decisione per l’esistenza.

Attività: testi e testimonianze.

 

Tempi

Il lavoro è condotto in modo trasversale nell’arco dei tre anni e prevede un modulo specifico in Terza.

 

Verifica

Restituzione delle esperienze vissute attraverso riflessioni e testi scritti argomentativi.